Orizzonti di giustizia sociale”: questo il tema che accompagnerà la XXIV Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, organizzata in tutta Italia dalla rete di Libera e da Avviso Pubblico in collaborazione con la Rai – Responsabilità Sociale e sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica: un appuntamento che da oltre vent’anni ci vede impegnati nel ricordare, ogni 21 di marzo, tutte le vittime della violenza mafiosa, rinnovando nel loro nome il nostro impegno contro le mafie e la corruzione.

Un appuntamento che di recente è stato istituzionalizzato: il 1° marzo 2017 infatti, con voto unanime alla Camera dei Deputati, è stata approvata la proposta di legge che istituisce e riconosce il 21 marzo quale “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie”.

Quest’oggi in Liguria migliaia di persone hanno animato oltre 290 “luoghi di memoria”: 7 piazze, più di 110 scuole, e poi sedi associative, negozi, luoghi di lavoro che alle 11:00 del 21 marzo, in contemporanea con il resto d’Italia, si sono fermati per un momento di ricordo. Al centro della mattinata, non solo simbolicamente, la piazza di Sestri Levante dove scuole, associazioni e Istituzioni hanno sfilato per le vie della città, unendosi nell’abbraccio con i familiari delle vittime innocenti delle mafie.

Nel pomeriggio le attività proseguiranno: oltre 300 persone parteciperanno ai momenti seminariali che si svolgeranno a Sestri Levante e a Lavagna.